L’importanza di leggere un buon libro prima di andare a dormire

Uno tra i regali più gettonati quando si è bambini sono sempre i libri da leggere, e diciamoci la verità, leggevamo molto di più da bambini che ora, adulti, con un lavoro e tantissime, forse troppe, responsabilità.

Arriviamo alla fine della giornata stanchi e stressati, tra il lavoro ed il traffico, e appena tocchiamo il letto non ci pensiamo nemmeno a prendere tra le mani un libro, il pensiero non ci sfiora proprio più.

Eppure quanto è importante e bello leggere?

Innanzitutto leggere aiuta a tenere attivo il cervello e a non ammalarsi di malattie tipo Morbo di Alzhaimer, o demenza senile.

Ci permette di tenere viva l’immaginazione, ci aiuta a non perdere il lessico, a mantenere un utilizzo corretto dei tempi verbali,  a tenere viva la memoria, e per ultimo, ma non per importanza, ci aiuta a diminuire lo stress. Infatti è scientificamente provato che dedicare 6 minuti alla lettura riduce lo stress di almeno il 68%.

Leggere un buon libro è decisamente un’idea migliore di guardare un reality show o qualche strana e straziante telenovela; è sicuramente meglio di sfogliare riviste di gossip mentre siamo in attesa dal medico.

Molti esperti consigliano di addormentarsi leggendo un buon libro, piuttosto che con la televisione accesa, per diminuire lo stress e l’adrenalina di tutta la giornata. Prendere in mano un buon libro per una mezz’oretta, accompagnati da una luce soffusa e d’atmosfera ci aiuterà ad eliminare anche problemi di insonnia.

In conclusione possiamo dire che leggere ci rende delle persone migliori, sia nelle cose della vita di tutti i giorni, sia perché aumenta la nostra empatia, perché la proviamo riguardo i nostri amati personaggi, e ci aiuta a conoscere diversi caratteri e diventare quindi molto più attenti ai dettagli che contano. E magari anche più sensibili, che non fa male.