Scopri i droni phantom

I droni Phantom non sono altro che velivoli, o – per meglio dire – aeromobili a pilotaggio remoto: essi, infatti, vengono controllati grazie a un piccolo computer di cui sono dotati a bordo, che gestisce il loro volo e permette loro di muoversi. La parte principale di questo prodotto è rappresentata dal telaio, vale a dire la struttura portante sulla quale sono montate le varie componenti. Il numero dei rotori incide direttamente sulla forma della struttura: nel caso in cui siano presenti quattro eliche si parla di un quadricottero, nel caso in cui siano presenti sei eliche si parla di un esacottero, e così via. Il carbonio e l’alluminio sono i materiali più avanzati con i quali vengono realizzati i telai, e incidono non solo sulla resistenza agli urti, ma anche sulla durata dei voli e sul peso dei droni.

Tutti i droni Phantom, inoltre, sono muniti di un flight controller, grazie a cui possono essere bilanciati in volo stazionario mentre viene controllata la velocità di rotazione dei motori. In pratica, ogni volta che il pilota attraverso il radiocomando dà un input, questo input viene interpretato dal flight controller che stabilisce quale potenza dare a ognuno dei motori in modo tale che la manovra desiderata possa essere effettuata. Questo meccanismo può essere considerato il cervello del velivolo, grazie a cui tutti i dati di volo sono processati in simultanea. Per agire, i flight controller si basano sui dati che provengono da sensori collegati: non solo i sistemi di rilevamento degli ostacoli, ma anche i barometri e i giroscopi.

Infine, ultimi ma non meno importanti sono – ovviamente – i motori elettrici, che sono del tipo brushless: in pratica non richiedono la presenza sull’albero motore di contatti elettrici striscianti. Tale peculiarità fa sì che la resistenza meccanica e il peso siano inferiori.